Giancolombo, tra scoop e poesia

pubblicato il 04 Maggio 2020

Gian Battista Colombo, meglio conosciuto come Giancolombo, è stato uno dei più importanti fotoreporter italiani, capace di realizzare non solo scoop di grande portata giornalistica ma anche scatti destinati a restare nel tempo, che l’hanno fatto paragonare ad Henri Cartier Bresson, il grande fotografo francese per il quale lavorò qualche mese. Giancolombo, nato a Venezia nel 1921, si trasferì a Milano dopo la Seconda guerra mondiale e qui cominciò la sua carriera di “cronista con macchina fotografica” che lo portò a fondare la sua agenzia. Di lui resta un archivio con milioni di scatti, in parte ancora da riscoprire.

https://memomi.it/luoghi/giancolombo-tra-scoop-e-poesia
Da una scuola di provincia alle manifestazio­ni che hanno segnato un secolo. Il racconto appassionante di Lea Melandri, una protagonista del femminismo milanese, tra lotte e sacrifici per conquistare i diritti della donna.
Le storie, i ricordi e i successi di chi ha raccontato la città di Milano attraverso i suoi scatti, sempre con un'idea della realtà ben chiara in mente: le biografie dei fotografi di Milano.
La nascita del Corriere della Sera, le prime trasmissioni RAI dalla Torre Branca, ma anche la prima radio libera e Luca Comerio, il primo cineoperatore che l'Italia ha avuto. La storia della comunicazione dal punto di vista di Milano.
Storie di artigiani e imprenditori visionari, di artisti in fabbrica e aree industriali, storie di laboratori e successi made in italy: Milano, che quando lavora, traccia strade di avanguardia professionale per il Paese.
La memoria è profonda ma fragile, legata ai supporti ma anche alle persone. MemoMi entra negli archivi storici e offre uno sguardo privilegiato dei luoghi dove si conservano la memoria e le radici del nostro presente.
Creato da architetti e designer, promosso e coltivato da istituzioni uniche nel panorama artistico, celebrato dalle esposizioni internazionali: profili e storia del design italiano con capitale Milano.