Adriano Pallini. Il sarto che visse d'arte

pubblicato il 23 Dicembre 2019

Era uno dei migliori sarti di Milano, ma soprattutto era un grande collezionista d'arte. Adriano Pallini (1897- 1955) da Atri, in provincia di Teramo, in Abruzzo, amava i pittori e gli scultori del Novecento italiano e il Realismo magico: Giorgio de Chirico, Umberto Boccioni, Achille Funi, Arturo Martini, Carlo Carrà e poi, più avanti, Lucio Fontana e le sue ceramiche. All'inizio degli Anni Venti del secolo scorso, quando iniziò la sua raccolta di capolavori, adottò una formula geniale: un paletot in cambio di un dipinto, una giacca di tweed per una terracotta. Nel 1955 quando morì, lasciando la moglie Marta e le due bambine Adriana e Nicoletta, aveva messo insieme una collezione le cui opere venivano richieste, per la loro importanza e bellezza, dai più celebrati musei del mondo.

https://memomi.it/personaggi/adriano-pallini-il-sarto-che-visse-darte
Gli istituti storici della città e i giornali che fecero la contestazione, le figure di docenti eminenti e la guerra che piombò fin sui banchi: storie di scuole e di studenti nella Milano dell'educazione.
Non solo Visconti e Sforza: la storia di Milano è anche quella delle grandi comunità straniere che nel corso dei decenni, talvolta dei secoli, si sono stabilite nel capoluogo lombardo e hanno inciso profondamente sulla sua identità cittadina.
Duemila anni di storia del cristianesimo hanno lasciato segni significativi a Milano. Un viaggio alla scoperta delle chiese che costellano la città, dagli edifici sacri più famosi a veri e propri gioielli nascosti...
Libri, quotidiani, riviste: una storia di carta, imprenditoria e talent scouting che affonda le sue radici nel tempo e che, negli utlimi due secoli, ha fatto di Milano la capitale dell'editoria italiana.
Le storie, i luoghi e i percorsi delle personalità che, attraverso i secoli, hanno fatto di Milano uno dei centri artistici più importanti nona livello nazionale.
La città della Scala e dei concerti a San Siro: dai Beatles, che suonarono al Vigorelli nell'estate del '65, a Giuseppe Verdi, che si spense e riposa ancora qui. Milano è anche città di musica.