Giulia Niccolai: il salvifico senso della continuità

di Daniela Annaropubblicato il 14 Luglio 2020

Fotoreporter in America e nel mondo, poetessa, scrittrice, traduttrice - perché madrelingua inglese - di Virginia Woolf e Gertrude Stein, tra i tanti autori. Grande Ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana nel 2006. Monaca buddista da oltre un quarto di secolo.
Giulia Niccolai, Milano 1931, è tutto questo con la leggerezza che solo una grande sapienza dona. Come fotografa ha vissuto gli anni kennediani negli Usa, come poetessa ha conosciuto tutte le stagioni della poesia sperimentale creando i suoi "Frisbee", emozioni volatili che, però, inducono a pensare di fare.

https://memomi.it/personaggi/giulia-niccolai-il-salvifico-senso-della-continuita
Gli istituti storici della città e i giornali che fecero la contestazione, le figure di docenti eminenti e la guerra che piombò fin sui banchi: storie di scuole e di studenti nella Milano dell'educazione.
Non solo Visconti e Sforza: la storia di Milano è anche quella delle grandi comunità straniere che nel corso dei decenni, talvolta dei secoli, si sono stabilite nel capoluogo lombardo e hanno inciso profondamente sulla sua identità cittadina.
Duemila anni di storia del cristianesimo hanno lasciato segni significativi a Milano. Un viaggio alla scoperta delle chiese che costellano la città, dagli edifici sacri più famosi a veri e propri gioielli nascosti...
Libri, quotidiani, riviste: una storia di carta, imprenditoria e talent scouting che affonda le sue radici nel tempo e che, negli utlimi due secoli, ha fatto di Milano la capitale dell'editoria italiana.
Le storie, i luoghi e i percorsi delle personalità che, attraverso i secoli, hanno fatto di Milano uno dei centri artistici più importanti nona livello nazionale.
La città della Scala e dei concerti a San Siro: dai Beatles, che suonarono al Vigorelli nell'estate del '65, a Giuseppe Verdi, che si spense e riposa ancora qui. Milano è anche città di musica.