La Biblioteca Ambrosiana

pubblicato il 07 Dicembre 2016

L'8 dicembre del 1609, il giorno successivo a S. Ambrogio, Federico Borromeo inaugura la Biblioteca Ambrosiana. Finanziata a proprie spese dal Cardinale, è un servizio pubblico arrivato fino a noi dalla Milano del Seicento, che ancora custodisce testi rarissimi e tesori nascosti. Due secoli più tardi, Alessandro Manzoni la descriverà nei suoi Promessi Sposi, lodando Borromeo per avere offerto a tutti "carta, penne e calamaio".

https://memomi.it/cultura-e-spettacolo/la-biblioteca-ambrosiana
Gli istituti storici della città e i giornali che fecero la contestazione, le figure di docenti eminenti e la guerra che piombò fin sui banchi: storie di scuole e di studenti nella Milano dell'educazione.
La Milano della grandi fabbriche che si trasforma e lascia il passo alla Milano della creatività. Una passeggiata per scoprire una città in continua trasformazione...
Duemila anni di storia del cristianesimo hanno lasciato segni significativi a Milano. Un viaggio alla scoperta delle chiese che costellano la città, dagli edifici sacri più famosi a veri e propri gioielli nascosti...
Apparentemente lontana dalla grande produzione cinematografica dei decenni d'oro, Milano è la città in cui sono cresciuti grandi talenti e che celebri registi hanno scelto per raccontare le loro storie...
Le storie, i luoghi e i percorsi delle personalità che, attraverso i secoli, hanno fatto di Milano uno dei centri artistici più importanti nona livello nazionale.
Le biblioteche: luogo di conoscenza e sapere, ma soprattutto custodi di saperi. Milano vanta alcune delle biblioteche più antiche d'Italia, come la Braidense, ma dispone anche di raccolte specializzate ed uniche.