Tinin Mantegazza, il papa di Dodò

di Daniela Annaropubblicato il 16 Novembre 2021

Lo considerano il papà di Dodò, il pungente pennuto de L'Albero Azzurro, la trasmissione televisiva dedicata alla prima infanzia andata in onda in RAI per oltre trent'anni.
Ma Tinin Mantegazza - con la moglie Velia - è stato anche molto altro: ha animato la scena teatrale di Milano con creatività, competenza e con l'esperienza maturata in mezzo secolo di attività, tra gallerie d'arte, compagnie e associazioni teatrali e culturali. Con Mantegazza, il teatro per i ragazzi è uscito dal ghetto: Tinin e Velia si sono avvalsi delle migliori menti, di grandi autori e amici, come Cochi e Renato, Jannacci e Gaber, Battiato e Paolo Poli, per far pensare in grande il pubblico di ogni età.

https://memomi.it/cultura-e-spettacolo/tinin-mantegazza-il-papa-di-dodo
Non solo Visconti e Sforza: la storia di Milano è anche quelle delle grandi comunità straniere che nel corso dei decenni, talvolta dei secoli, si sono stabilite nel capoluogo lombardo e hanno inciso profondamente sulla sua identità cittadina.
Apparentemente lontana dalla grande produzione cinematografica dei decenni d'oro, Milano è la città in cui sono cresciuti grandi talenti e che celebri registi hanno scelto per raccontare le loro storie...
Una passeggiata per riscoprire la Milano dei grandi architetti: da Piermarini a Gio Ponti passando per Portaluppi, Caccia Dominioni e gli artefici della ricostruzione nel dopoguerra. Una serie realizzata con l'Ordine degli Architetti di Milano.
Libri, quotidiani, riviste: una storia di carta, imprenditoria e talent scouting che affonda le sue radici nel tempo e che, negli utlimi due secoli, ha fatto di Milano la capitale dell'editoria italiana.
Gli istituti storici della città e i giornali che fecero la contestazione, le figure di docenti eminenti e la guerra che piombò fin sui banchi: storie di scuole e di studenti nella Milano dell'educazione.
La città della Scala e dei concerti a San Siro: dai Beatles, che suonarono al Vigorelli nell'estate del '65, a Giuseppe Verdi, che si spense e riposa ancora qui. Milano è anche città di musica.