Writers on writing: arte tra sport e legalità

di Paola Usaipubblicato il 20 Maggio 2016

Sette giorni per trasformare un muro di cinta anonimo e scrostato in un'opera d'arte vitale e altamente simbolica. Si chiama "Writers on writings" il progetto nato da un'idea della Fondazione Pasquinelli con il supporto dell'Accademia di Brera. L'opera, realizzata su una sezione del muro di cinta del Tennis Club Milano Alberto Bonacossa, ha coinvolto tre street artis - Kayone, Korvo Korax e Stefano Phen - che hanno liberamente interpretatato il tema "sport, regole e legalità". Graffiti ma anche testi scultorei i cui contenuti sono stati curati da Gherardo Colombo, che, dopo essersi dimesso dalla magistratura, continua la sua battaglia di civiltà e legalità spiegando ai giovani l'importanza delle regole.

https://memomi.it/cultura-e-spettacolo/writers-on-writing-arte-tra-sport-e-legalita
Non solo Visconti e Sforza: la storia di Milano è anche quelle delle grandi comunità straniere che nel corso dei decenni, talvolta dei secoli, si sono stabilite nel capoluogo lombardo e hanno inciso profondamente sulla sua identità cittadina.
Apparentemente lontana dalla grande produzione cinematografica dei decenni d'oro, Milano è la città in cui sono cresciuti grandi talenti e che celebri registi hanno scelto per raccontare le loro storie...
Una passeggiata per riscoprire la Milano dei grandi architetti: da Piermarini a Gio Ponti passando per Portaluppi, Caccia Dominioni e gli artefici della ricostruzione nel dopoguerra. Una serie realizzata con l'Ordine degli Architetti di Milano.
Libri, quotidiani, riviste: una storia di carta, imprenditoria e talent scouting che affonda le sue radici nel tempo e che, negli utlimi due secoli, ha fatto di Milano la capitale dell'editoria italiana.
Gli istituti storici della città e i giornali che fecero la contestazione, le figure di docenti eminenti e la guerra che piombò fin sui banchi: storie di scuole e di studenti nella Milano dell'educazione.
La città della Scala e dei concerti a San Siro: dai Beatles, che suonarono al Vigorelli nell'estate del '65, a Giuseppe Verdi, che si spense e riposa ancora qui. Milano è anche città di musica.