Roberto Denti. Un ragazzo in biblioteca

di Daniela Trastullipubblicato il 28 Febbraio 2017

Un documentario diretto da Daniela Trastulli per Medialogo racconta Roberto Denti, scrittore italiano e autore di letteratura per ragazzi, è stato, insieme alla moglie Gianna Vitali, il fondatore della Libreria dei ragazzi, la prima nel suo genere e oggi tra le più grandi in Europa. Aperta a Milano nel 1972, la Libreria ha cambiato la faccia dell’editoria Italiana diventando un importante punto di riferimento culturale per editori, scrittori, illustratori, pedagogisti, insegnanti e bibliotecari e, soprattutto, per genitori e ragazzi. Denti, grazie alla sua instancabile attività di divulgatore, ha contribuito in modo determinante ad avvicinare al libro i ragazzi.

https://memomi.it/costume-e-societa/roberto-denti-un-ragazzo-in-biblioteca
La città del "Caffé" e degli altri salotti letterari, ma anche la capitale dell'editoria e la metropoli immortalata dagli scrittori: Milano vive nelle pagine di alcune delle migliori penne italiane e internazionali.
Gli spazi nei quali sono conservate le meraviglie della città, la sua storia dai momenti più gloriosi a quelli più bui e dolorosi. MemoMi propone una passeggiata virtuale tra i capolavori in museo e i musei da capolavoro...
Una serie di documentari tratti dall’archivio di Medialogo, uno dei più consistenti patrimoni visivi di enti locali italiani. Vi sono depositate oltre 3.500 opere riguardanti la storia e la cultura del territorio milanese.
Luoghi affascinanti e nascosti nel centro di Milano. Le case-museo sono tutte accomunate dalla generosità dei loro proprietari, che, attraverso il collezionismo, hanno fatto delle loro stesse dimore opere d’arte.
Il palcoscenico a 360 gradi: dai volti di chi si è lasciato consacrare dalle scene, a quelli che hanno sempre lavorato dietro le quinte. Il teatro fatto di passione e di lavori, di luoghi e di capolavori, di storie lunghe tutta una vita...
La storia di una città che ha fatto la Storia. Ripercorriamo gli eventi più celebri e quelli meno noti che hanno segnato la comunità milanese e, molto spesso, quella dell'Italia intera.