Rosellina Archinto. Editore per passione

di Daniela Trastullipubblicato il 07 Luglio 2017

Un documentario realizzato da Daniela Trastulli per Medialogo ripercorre la storia di Rosellina Archinto, editrice milanese, e della sua avventura editoriale compiuta insieme ad alcuni amici e collaboratori.
Portano la loro testimonianza, tra gli altri, Roberto Denti della storica “Libreria dei Ragazzi", Anna Maria Gandini di “Milano libri”, Renata Discacciati, sua collaboratrice per anni, e Antonio D’Orrico, che ha partecipato in prima persona all’avventura della rivista “Leggere”. Inge Feltrinelli e Vittorio Gregotti, amici storici, ricordano le piacevoli serate a casa di Rosellina, divenuta per molti anni un luogo di incontro per tutti i personaggi del mondo della cultura di passaggio a Milano.

https://memomi.it/cultura-e-spettacolo/rosellina-archinto-editore-per-passione
Non solo Visconti e Sforza: la storia di Milano è anche quelle delle grandi comunità straniere che nel corso dei decenni, talvolta dei secoli, si sono stabilite nel capoluogo lombardo e hanno inciso profondamente sulla sua identità cittadina.
Apparentemente lontana dalla grande produzione cinematografica dei decenni d'oro, Milano è la città in cui sono cresciuti grandi talenti e che celebri registi hanno scelto per raccontare le loro storie...
Una passeggiata per riscoprire la Milano dei grandi architetti: da Piermarini a Gio Ponti passando per Portaluppi, Caccia Dominioni e gli artefici della ricostruzione nel dopoguerra. Una serie realizzata con l'Ordine degli Architetti di Milano.
Libri, quotidiani, riviste: una storia di carta, imprenditoria e talent scouting che affonda le sue radici nel tempo e che, negli utlimi due secoli, ha fatto di Milano la capitale dell'editoria italiana.
Gli istituti storici della città e i giornali che fecero la contestazione, le figure di docenti eminenti e la guerra che piombò fin sui banchi: storie di scuole e di studenti nella Milano dell'educazione.
La città della Scala e dei concerti a San Siro: dai Beatles, che suonarono al Vigorelli nell'estate del '65, a Giuseppe Verdi, che si spense e riposa ancora qui. Milano è anche città di musica.