A regola d’artigianato. La Scuola Superiore d’Arte Applicata del Castello Sforzesco.

di Giovannella Rendipubblicato il 12 Settembre 2019

Nata nell’ultimo ventennio dell’Ottocento con lo scopo di formare i lavoratori delle cosiddette “arti minori” e migliorarne prospettive di lavoro e condizioni di vita, la Scuola del Castello da più di cento anni tiene i suoi corsi serali di disegno, scultura, mosaico, tessuto, che negli anni si sono aperti anche a illustrazione, grafica, fumetto e game design. Allora come oggi lo spirito è sempre lo stesso: diventare bravi a fare quello che ancora si chiama un “mestiere”, coltivare l’eccellenza del saper fare oltre che del fare, senza teoria e senza lezioni ma attraverso il lavoro manuale, nella condivisione di spazi comuni.

https://memomi.it/luoghi/a-regola-dartigianato-la-scuola-superiore-darte-applicata-del-castello-sforzesco
Nascosta dietro ai cancelli dei palazzi, a volte seppellita addirittura nel sottosuolo: la Milano segreta è un luogo sorprendente e affascinante, una città invisibile e spesso sconosciuta ai suoi stessi abitanti...
I cambiamenti urbanistici che hanno interessato una delle città più stratificate d’Italia: da Napoleone all'Unità d'Italia, dal Ventennio alla ricostruzione dopo i bombardamenti, dagli anni del boom alla riqualificazione delle grandi aree industriali.
Una passeggiata per riscoprire la Milano dei grandi architetti: da Piermarini a Gio Ponti passando per Portaluppi, Caccia Dominioni e gli artefici della ricostruzione nel dopoguerra. Una serie realizzata con l'Ordine degli Architetti di Milano.
Nomi poco altisonanti, forse, ma non meno importanti per la memoria collettiva. Le storie degli artigiani storici, che con il loro sapere e il loro lavoro hanno mantenuto in vita mestieri che sono tuttora patrimonio immateriale della città.
Una serie di ritratti al femminile. Donne che a Milano si sono cimentate nei campi dell'arte, della cultura e dello sport, riuscendo sempre a lasciare il segno...
Un viaggio alla scoperta dei capolavori di Milano. Custoditi nei più importanti musei cittadini e ammirati da visitatori provenienti da tutto il mondo, sono diventati nel tempo icone artistiche della città.